PIŠE MILAN RAKOVAC

Galactica Histria: U borbu sad mi krećemo - ma ča jopet!?

Milan Rakovac

Milan Rakovac


Smo se vrgli dakuordo mi tri stara cuoka da danas ga ne predikamo nego da ćemo samo zakantati. Pak jur kad su fašištoni na goviernu u po držav EU, ča ne bi bilo denjo da svi znamo ča je to bilo prija sto lit, kad je Mušo-lini se leva z banditi na Marča su Roma, 1922. lita. I se sidemo mraCK&Franina&Jurina poli Gorke na Pjaca Foro, pak i mih i vidalice njih dva, a ja organić, i pak ga zaruovemo prvu fašistuonsku pismu:

"All'armi! All'armi! All'armi o Fascisti, Terror dei comunisti./Noi del Fascismo siamo i componenti,/la causa sosterrem fino alla morte,/e lotteremo sempre forte,/forte finche terremo il nostro sangue in core./Sempre inneggiando alla Patria nostra,/che tutti uniti difenderemo, contro avversari e traditori/che ad uno ad uno sterminerem.

All'armi! All'armi! All'armi o Fascisti,/Terror dei comunisti. Lo scopo tutti noi sappiamo/combatter con certezza di vittoria e questo non sia mai sol per la gloria,/ma per giusta ragion di liberta.

I bolscevichi che combattiamo/noi saprem bene far dileguar e al grido nostro quella canaglia/dovra tremare, dovra tremar.

All'armi! All'armi! All'armi o

Fascisti,/Terror dei comunisti.

Vittoria in ogni parte porteremo/perche il coraggio a noi non manchera e grideremo sempre forte, forte/e sosterrem la nostra causa santa.

In guardia amici, che in ogni evento/noi sempre pronti tutti saremo, finche la gloria di noi Fascisti/in tutta Italia trionfera.

All'armi! All'armi! All'armi o

Fascisti,/Terror dei comunisti."

M&F&J (svaki po jienu batudu), ki mala kamerijera puna straha nan dela mote. Inutile. Pak duojde bliže, ma šinjuori, nemuojte, ću zvati policiju:

A zuovi, zuovi, samo zuovi, ma vrag uti de sokolovi ti ga ne duojde... da zuoveš miliciju, dajdaj, ma nje ni, a mi smo ti tri stara kumpanja...e ši šti kua i že kumpanji, kumpanji kome tuti altri... nos otros companeros para siempre kantamo vami ča su črni breki kantali nami, a sad će i svima vami, toliko da znate ča vas čeka... Ma Talija je sama vrgla doli 1943. Mušo-lina i dita bela, pak su črni zakantali druge vierše:

"Le donne non ci vogliono piu bene perche portiamo la Camicia Nera.

Hanno detto che siamo da galera.

Hanno detto che siamo da catene.

L'amore coi Fascisti non conviene:

meglio un vigliacco che non ha bandiera,

uno che serbera la pelle intiera,

uno che non ha sangue nelle vene.

Ce ne freghiamo. La Signora Morte

fa la civetta in mezzo alla battaglia,

si fa baciare solo dai soldati.

Forza ragazzi, fatele la corte!

Diamole un bacio sotto la mitraglia.

Lasciamo le altre donne agli imboscati."

Ma nu, nu, šu, šu, daj, daj, kamerijera se je nasmihnula, ljudi su se počeli skupljati okolo nas, jedan nan je naručija litro terana, drugi se je došega z gitaron i na bot smo bili kauntri bend dreto z Nešvila, altroke Brus Springstin (ma ča propio brus su mu morali dati ime - ter će biti valja zato da brusi srp?). Pak smo njin mi zakantali ča je zakantala fašišton antifašistička Italija:

"Riccordi mamma quando ti lasciai,/tremava la tua mano nel saluto,/forse credevi rivedermi mai,/e invece vedi, mamma, son venuto./Ho combattuto la sopra quel monte,/coi miei compagni e tanti ne mori,/ma per la patria e con il sole in fronte,/credimi, bello era morir cosi./E m'era tetto il ciel/con tutte le sue stelle,/ e m?era amico il gel,/amico per la pelle./Ma quei nostri cuor/spuntava sempre il sol/al grido dell'amor,/la patria e che lo vuol./E tante volte in una quieta sera/vedeva il cuor lontano il casolare/ma sempre fra quei boschi han sventolato/alti nel sole liberi i colori/di questa terra, perche mai piegato/giacque per lei l'amor dei nostri cuori/E m'era tetto il ciel

Momenti di dolore,/giornate di passione,/ti scrivo cara mamma,/domani c'e l'azione/e la brigata nera,/noi la farem morire. Dai monti di Sarzana/un di discenderemo/all'erta partigiani/del battaglion Lucetti./Il battaglion Lucetti/son libertari e nulla piu/coraggio e sempre avanti/la morte e nulla piu./Coraggio e sempre avanti/la morte e nulla piu./Bombardano i cannoni/dai monti sarzanesi/all'erta partigiani/del battaglion Lucetti/piu forte

sara il grido/che salira lassu/fedeli a Pietro Gori/noi scenderemo giu./Fedeli a Pietro Gori/noi scenderemo giu."

Pak zajno za tin talijanski logoraški veržijun "Katjuše", ča ga je cilega živlienja kantala la grandišima Milva:

"Fischia il vento e infuria la bufera,/scarpe rotte e pur bisogna andar/a conquistare la rossa primavera/dove sorge il sol dell'avvenir./A conquistare…

Ogni contrada e patria del ribelle,/ogni donna a lui dona un sospir,/nella notte lo guidano le stelle,/forte il cuor e il braccio nel colpir./Nella notte…

Se ci coglie la crudele morte,/dura vendetta verra dal partigian;/ormai sicura e gia la dura sorte/del fascista vile e traditor./Ormai sicura…

Cessa il vento, calma e la bufera,/torna a casa il fiero partigian,/sventolando la rossa sua bandiera;/vittoriosi, al fin liberi siam!/Sventolando…"

I sad jopet kantaju črni breki "bim bum bam tre colpi di pugnal", pak ćemo viti ben koliko će njin durati La Meloni: ničigova svića ni do dana gorila, pak vero nieće ni njihova...

Povezane vijesti


Podijeli: Facebook Twiter








Web kamere

Pula

Pula: Forum
Pula: Forum

Pula

Pula: Korzo, Giardini
Pula: Korzo, Giardini